Vai ai contenuti

LAU



Home > Glossario: indice > Glossario: definizioni


Glossario: definizioni

Lista di definizione essenziale dei termini dell'accessibilità.

A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z

[A]

Accessibile
Un contenuto è accessibile quando può essere fruito da qualsiasi tipologia di utente indipendentemente dal mezzo di cui dispone.
Accessibilità
La capacità dei sistemi informatici, nelle forme e nei limiti consentiti dalle conoscenze tecnologiche, di erogare servizi e fornire informazioni fruibili, senza discriminazioni, anche da parte di coloro che a causa di disabilità necessitano di tecnologie assistive o configurazioni particolari.
Accesso universale
Il W3C definisce il web come l'universo delle informazioni accessibili in rete (disponibili attraverso il computer, il telefono, la televisione, o il frigorifero telematici). Oggigiorno questo universo permette alla società di fruire di nuove forme di comunicazione umana e offre nuove opportunità di condividere la conoscenza. Uno degli scopi principali del W3C è quello di rendere queste opportunità fruibili a tutti, indipendentemente da eventuali limitazioni determinate da hardware, software, supporto di rete a disposizione, lingua madre, cultura, collocazione geografica, capacità fisiche e mentali.
"Alt"
Attributo html che permette di assegnare una descrizione testuale ad un'immagine; la stessa verrà visualizzata al passaggio del mouse e/o letta da un lettore di schermo.
Alta leggibilità/contrasto elevato
Ottimale rapporto tra contenuti Web e contenitori. Fattori salienti: contrasto (livello di saturazione); contrasto cromatico; dimensione dei contenuti; distanziamento/distribuzione dei contenuti; tipo di font.; attributi del testo.
API
API è l'acronimo di Application Programming Interface, indica ogni insieme di procedure disponibili al programmatore, di solito raggruppate a formare un set di strumenti specifici per un determinato compito.
Applet
È un programma inserito in una pagina web.
Arte ASCII
Il termine arte ASCII indica caratteri di testo e simboli combinati per creare un immagine. Per esempio ";-)" è l'emoticon smile.
Assistente digitale personale (PDA)
Un PDA è un piccolo dispositivo portatile di calcolo. La maggior parte dei PDA sono usati per tracciare dati personali come ad esempio calendari, contatti e posta elettronica. Un PDA è di solito un dispositivo palmare con un piccolo schermo che accetta input da varie fonti.

torna all'indice alfabetico

[B]

Braille
Il braille usa sei punti in rilievo in diversa sequenza per rappresentare lettere e numeri per essere lette da persone non vedenti mediante i polpastrelli. Un display braille, comunemente indicato come un "display braille dinamico", solleva o abbassa sequenze di punti a comando da un dispositivo elettronico, di solito un computer. Il risultato è una linea braille che può cambiare di momento in momento. Gli attuali display braille hanno una dimensione che varia da una cella (sei o otto punti) fino a una linea di 80 celle; la maggior parte ha tra le dodici e le venti celle per linea.
Browser
Un programma-utente che consente ad un utente di percepire e interagire con l'informazione presente sul Web.

torna all'indice alfabetico

[C]

Client HTTP
Un programma che stabilisce connessioni allo scopo di inviare richieste HTTP.
Contenuto, struttura e presentazione del documento
Il contenuto di un documento si riferisce a ciò che dice all'utente mediante il linguaggio naturale, immagini, suoni, filmati, animazioni, ecc. La struttura di un documento equivale a come è organizzato da un punto di vista logico (per esempio per capitoli, con un'introduzione e degli indici, ecc.).
La presentazione di un documento è come viene reso il documento stesso (per esempio, a stampa, come presentazione grafica bidimensionale, come presentazione solo testuale, come sintesi vocale, come braille, ecc.).

torna all'indice alfabetico

[D]

Disabilità
Qualsiasi restrizione o impedimento nel normale svolgimento di un'attività derivante da una menomazione. Le disabilità possono essere fisiche (che comprendono le disabilità motorie, relative al controllo dei movimenti degli arti, e sensoriali, riguardanti limitazioni della vista e dell'udito); cognitive (che vanno a limitare le funzioni intellettive. Tali limitazioni possono assumere caratteristiche diverse (disturbi della parola, del linguaggio, della coordinazione del pensiero, ecc.), tali da ridurre i livelli di comunicazione, attenzione e risposta agli stimoli esterni.
Dispositivo
Un apparato attraverso il quale un utente può percepire e interagire con il Web.
Disapprovato o deprecato
Un elemento o attributo disapprovato è qualcosa che è stato superato da nuovi costrutti. Gli autori dovrebbero evitare di utilizzare elementi e attributi disapprovati. Gli interpreti dovrebbero continuare a supportarli per ragioni di compatibilità all'indietro.
DTD
Acronimo di "Document Type Definition"; in testa alla pagina HTML/XHTML si pone una dichiarazione per attestare che il documento rispetta la relativa grammatica associata. Quando le pagine vengono sottoposte a validazione del codice il validatore legge la dichiarazione della DTD e processa il documento verificando che effettivamente vi sia tale conformità.
La legge 4/2004 richiede l'uso di grammatiche di tipo Strict (rigide) per garantire una produzione di codice HTML/XTML sempre più essenziale e "pulito".

torna all'indice alfabetico

[E]

Elemento
Il presente documento utilizza il termine "elemento" nel senso ristretto di SGML (un elemento è un costrutto sintattico) e più generalmente per definire un tipo di contenuto (come il video o il suono) o un costrutto logico (come un'intestazione o una lista).
Il secondo significato serve anche per enfatizzare il fatto che una linea guida ispirata dall'HTML potrebbe essere applicata facilmente ad un altro linguaggio di marcatura. Si noti che alcuni elementi (SGML) hanno un contenuto che è reso (es., gli elementi p, li, o table in HTML), alcuni sono sostituiti da contenuti esterni (es., img) e alcuni hanno a che fare con procedimenti (es., style e script fanno in modo che l'informazione sia trattata da un foglio di stile o da un motore di script). Un elemento che fa sì che i caratteri di testo facciano parte di un documento viene chiamato un elemento testuale.
Equivalente
Un contenuto è "equivalente" ad un altro contenuto quando entrambi svolgono essenzialmente la stessa funzione o scopo nei confronti dell'utente. Nel contesto di questo documento, per una persona con una disabilità, l'equivalente deve svolgere essenzialmente la stessa funzione (almeno per quanto è possibile, data la natura della disabilità e lo stato della tecnologia) che il contenuto principale svolge nei confronti di una persona non disabile.
Event handler
Sezione di codice che corrisponde ad un'azione effettuata dall'utente (o dallo user agent). Sulle pagine Web, gli eventi di solito sono azioni eseguite dall'utente come il movimento del mouse, la pressione di un tasto, ecc. Un event handler determina la risposta a quell'azione. Un event handler specifico per una tecnologia risponde solo ad un'azione effettuata tramite un certo dispositivo di input. Un abstract Event handler corrisponde ad un'azione che può essere attivata da più dispositivi di input.

torna all'indice alfabetico

[F]

Feed reader
È un programma in grado di effettuare il download di un feed RSS (è sufficiente che l'utente indichi al programma l'URL del feed), effettuarne il parsing e visualizzarne i contenuti in base alle preferenze dell'utente.
Foglio di stile (CSS)
Un foglio di stile è una serie di specifiche che riguardano la presentazione di un documento. I fogli di stile possono avere tre diverse origini: possono essere scritti dagli sviluppatori, creati dagli utenti, o incorporati in interpreti. Nei CSS/CSS2, l'interazione fra i fogli di stile dello sviluppatore, quelli dell'utente e quelli dell'interprete è denominata "cascata".
La marcatura di presentazione è una marcatura che persegue un effetto stilistico (piuttosto che strutturale), come nel caso degli elementi b o i nell'HTML. Si noti che gli elementi strong e em non sono considerati marcature di presentazione dal momento che contengono un'informazione che è indipendente da un particolare stile del font.
Frame
Funzionalità prevista all'interno del linguaggio HTML, che permette di dividere lo schermo del browser in più aree distinte. All'interno di ciascuna area è possibile inserire una diversa pagina web: tutte queste pagine vengono visualizzate contemporaneamente all'interno della stessa schermata.

torna all'indice alfabetico

[G]

Gecko
Gecko è il motore di rendering utilizzato da Mozilla, dalle versioni recenti di Netscape e da altri prodotti. È scritto in linguaggio C++ ed è progettato per supportare gli standard aperti usati su Internet. Originariamente creato dalla Netscape Communications, oggi è mantenuto dalla Mozilla Foundation.
Gecko offre una ricca API progettata per le applicazioni legate al web, come i browser, la presentazione dei contenuti e i progammi client/server. È usato soprattutto dai browser derivati da Mozilla, come Mozilla Firefox e Netscape, ma non solo. Gecko è multipiattaforma e funziona su un buon numero di sistemi operativi, come Linux, Unix, Mac OS X e Windows.
GUI (Graphical User Interface)
interfaccia grafica (Graphical User Interface) è un paradigma di sviluppo che consente all'utente di interagire col calcolatore manipolando graficamente degli oggetti, svincolandolo dal dover imparare una serie di comandi da impartire con la tastiera come invece avviene con le interfacce testuali CLI (Command Line Interface). È lo strato di un'applicazione software che si occupa del dialogo con l'utente del sistema utilizzando un ambiente grafico. L'interfaccia grafica nei sistemi operativi moderni è concepita come la metafora di un piano di lavoro rappresentato dallo schermo (detto scrivania o desktop), con le icone a rappresentare i file (di cui alcune a forma di cartellina per le directory) e le finestre a rappresentare le applicazioni.

torna all'indice alfabetico

[H]

HTML
Acronimo di "Hyper Text Markup Language".
HTML dinamico (DHTML)
DHTML è il termine di marketing applicato a un misto di standard che include l'HTML, i fogli di stile, il Document Object Model e gli script. Tuttavia non esiste una specifica W3C che definisca formalmente il DHTML.

torna all'indice alfabetico

[I]

Immagine sensibile
Un'immagine che è stata divisa in zone con azioni associate. Cliccando su una zona attiva si fa in modo che avvenga un'azione. Quando un utente clicca su una zona attiva di un'immagine sensibile sul lato client, l'interprete calcola in quale zona si è verificato il click e segue il collegamento associato a quella zona. Cliccando su una zona attiva di un'immagine sensibile sul lato server si fa in modo che le coordinate del click vengano inviate al server, che di conseguenza svolge una qualche azione.
Gli sviluppatori possono rendere accessibili le immagini sensibili sul lato client fornendo accesso indipendente da dispositivo agli stessi collegamenti associati con le zone dell'immagine sensibile. Le immagini sensibili sul lato client consentono all'interprete di fornire un riscontro immediato sul fatto se il puntatore dell'utente si trova oppure no su una zona attiva.
Indici
Un indice generalmente elenca (e fa dei collegamenti a) le più importanti sezioni di un documento. Strumento di authoring.
Indipendente da dispositivo
L'utente dovrebbe essere in grado di interagire con un interprete (e il documento che esso rende) usando i dispositivi di input e output supportati, secondo la propria scelta e secondo i propri bisogni. I dispositivi di input possono includere dispositivi di puntamento, tastiere, display braille, bacchette manovrate con la testa, microfoni ed altro.
I dispositivi di output possono includere monitor, sintetizzatori vocali e dispositivi braille. Si noti che "supporto indipendente da dispositivo" non significa che i traduttori devono supportare ogni dispositivo di input o output. I traduttori dovrebbero offrire meccanismi di input e output ridondanti per i dispositivi supportati. Ad esempio, se un interprete supporta input sia da tastiera che da mouse, l'utente dovrebbe essere in grado di interagire con tutti gli aspetti della pagina usando sia la tastiera che il mouse.
Informazione tabellare
Quando le tabelle sono usate per rappresentare relazioni logiche fra i dati (testi, numeri, immagini, ecc.) quell'informazione è chiamata "informazione tabellare" e le tabelle sono chiamate "tabelle di dati". Le relazioni espresse da una tabella possono essere rese in modo visivo (di solito con una griglia bidimensionale), uditivo (spesso precedendo celle con informazione nel titolo), o in altri formati.
Ingranditore di schermo
Un programma che ingrandisce una porzione di schermo in modo che possa essere vista più facilmente. Gli ingranditori di schermo vengono usati principalmente da individui ipovedenti.
Interprete
Software per l'accesso al contenuto web, inclusi browser grafici per desktop, browser testuali, browser vocali, cellulari, lettori multimediali, plug-in, e alcuni software di tecnologia assistiva usati congiuntamente a browser come lettori di schermo, ingranditori di schermo, e programmi per il riconoscimento della voce.

torna all'indice alfabetico

[J]

Javascript
È un linguaggio ad oggetti che permette di ridefinire in maniera dinamica le proprietà degli oggetti che formano la pagina Web. È un linguaggio fatto apposta per realizzare quello che viene chiamato HTML dinamico (ma per questo scopo possono essere usati anche altri linguaggi incluso Java).

torna all'indice alfabetico

[K]

keyboard mnemonic
È una chiave che può essere utilizzata e premuta da tastiera per realizzare una certa azione fatta normalmente da un altro dispositivo di input.

torna all'indice alfabetico

[L]

Lettore di schermo (screen reader)
Un programma che legge il contenuto dello schermo a voce alta a un utente. I lettori di schermo vengono usati principalmente da persone non vedenti. I lettori di schermo di solito sono in grado di leggere solo il testo stampato (scritto) e non disegnato sullo schermo.
Linguaggio naturale
Linguaggi umani parlati, scritti o dei segni come il francese, giapponese, il linguaggio americano dei segni e il braille. Il linguaggio naturale di un contenuto può essere indicato con l'attributo "lang" in HTML, e l'attributo "xml:lang" in XML).
Link (Hyperlink)
Collegamento ipertestuale inserito all'interno di una pagina HTML che permette di passare da una documento ad un altro. Generalmente si presenta sotto forma di un testo sottolineato o di una immagine.

torna all'indice alfabetico

[M]

MATHML
Acronimo di "Mathematical Markup Language". Il MathML è un'applicazione dell'XML per descrivere la notazione matematica e catturarne sia la struttura che il contenuto. L'obiettivo del MathML è far sì che testi matematici possano essere trasmessi, ricevuti ed elaborati sul Web, come l'HTML ha reso possibile questa funzionalità per i testi.
Mappe dei siti
La mappa di un sito fornisce una visione globale dell'organizzazione di una pagina o di un sito.
Meccanismo di navigazione
Un meccanismo di navigazione è rappresentato da qualsiasi mezzo col quale un utente possa navigare in un sito o pagina web.

torna all'indice alfabetico

[N]

Newsgroup
Un newsgroup è una discussione su un particolare argomento che consiste di interventi scritti su un sito e quindi ridistribuiti a tutti coloro che ne sono interessati.
Newsletter
Lettera informativa dedicata ad argomenti specifici che viene spedita via e-mail con cadenza prestabilita, quotidiana, settimanale o mensile, a tutti gli utenti che ne hanno fatto esplicita richiesta

torna all'indice alfabetico

[O]

On Screen Keyboard
Tastiera alternativa che appare sullo schermo di un computer che viene utilizzata da particolari utenti disabili che non possono articolare bene le proprie mani.

torna all'indice alfabetico

[P]

Parser
In informatica, il parsing è il processo di analizzare uno stream continuo in input (letto per esempio da un file o una tastiera) in modo da determinare la sua struttura grammaticale grazie ad una data grammatica formale. Un parser è un programma che esegue questo compito.
Priorità 1
Lo sviluppatore di contenuti Web deve conformarsi al presente punto di controllo. In caso contrario, a una o più categorie di utenti viene precluso l'accesso alle informazioni presenti nel documento. La conformità a questo punto di controllo costituisce un requisito base affinché alcune categorie di utenti siano in grado di utilizzare documenti Web.
Priorità 2
Lo sviluppatore di contenuti Web dovrebbe conformarsi a questo punto di controllo. In caso contrario per una o più categorie di utenti risulterà difficile accedere alle informazioni nel documento. La conformità a questo punto consente di rimuovere barriere significative per l'accesso a documenti Web .
Priorità 3
Lo sviluppatore di contenuti Web può tenere in considerazione questo punto di controllo. In caso contrario, una o più categorie di utenti sarà in qualche modo ostacolata nell'accedere alle informazioni presenti nel documento. La conformità a questo punto migliora l'accesso ai documenti Web.
Progettazione universale (design for all)
Il grado più elevato di accessibilità si consegue attuando il principio della progettazione universale, secondo il quale ogni attività di progettazione deve tenere conto della varietà di esigenze di tutti i potenziali utilizzatori. Questo principio, applicato ai sistemi informatici, si traduce nella progettazione di sistemi, prodotti e servizi fruibili da ogni utente, direttamente o in combinazione con tecnologie assistive.

torna all'indice alfabetico

[Q]

QWERTY
Nome usato comunemente per indicare la disposizione standard dei caratteri sulla tastiera. Il nome deriva dalla combinazione dei primi sei caratteri nella terza fila della tastiera.

torna all'indice alfabetico

[R]

Rehabilitation Act
Standard applicativi emessi nel 2000 che riportano la normativa da applicare sia per l'accessibilità dei siti pubblici a beneficio dei cittadini disabili sia per l'accessibilità della strumentazione hardware e software usata dalle agenzie e uffici pubblici per garantire l'inclusione dei dipendenti disabili.
RSS (Feed)
Acronimo di Really Simple Syndacation, è un sistema basato sul linguaggio standard XML per la distribuzione di contenuti; è un linguaggio che permette di distribuire con grande facilità i contenuti di un sito e di riaggregarli e presentarli sotto altre forme.

torna all'indice alfabetico

[S]

Script
Linguaggio di programmazione che permette di inserire contenuti dinamici all'interno delle pagine web. Si pensi ad esempio agli effetti grafici o ai menu dinamici che si aprono all'istante senza bisogno di ricaricare la pagina web.
SGML
SGML (Standard Generalized Markup Language) è uno standard internazionale (ISO 8879:1886) utilizzato per la definizione formale di documenti con modalità che li rendono indipendenti dal dispositivo, sistema e applicazione con cui questi documenti vengono realizzati; in altre parole, SGML è un metalinguaggio, cioè un linguaggio usato per la descrizione di altri linguaggi.
SMIL
Acronimo di Synchronized Multimedia Integration Language (Linguaggio di integrazione e sincronizzazione di files multimediali). È quindi un linguaggio a marcatori (TAG) come l'html, ed è stato sviluppato come una estensione xml, che consente o consentirà l'integrazione nei siti web di filmati, suoni e testo.
Sviluppatore
Qualcuno che fa l'authoring di pagine web o progetta siti.

torna all'indice alfabetico

[T]

"tabindex"
Parametro numerico progressivo che stabilisce la successione del passaggio del focus tra link e/o altri elementi attivi presenti nelle pagine Web, se si utilizza la tastiera (tasto Tab).
Tabella linearizzata
Un processo per rendere una tabella nel quale i contenuti delle celle diventano una serie di paragrafi (per esempio, in fondo alla pagina) uno dopo l'altro. I paragrafi seguiranno lo stesso ordine delle celle del documento d'origine. Le celle dovrebbero avere senso se lette di seguito e dovrebbero includere elementi strutturali (che creino paragrafi, titoli, liste, ecc.) in modo che la pagina conservi il senso dopo la linearizzazione.
Tasti di accesso rapido (accesskey)
Si tratta di determinati tasti (o combinazioni di tasti) la cui pressione comporta un particolare comando per il programma in uso. Ad esempio per il browser Internet Explorer 5.5 la pressione contemporanea dei tasti CTRL e F corrisponde al comando "Trova". In questo modo viene agevolata e velocizzata l'operatività dell’utente. Purtroppo programmi differenti riconoscono differenti tasti di scelta rapida.
Tecnologia assistiva
Software o hardware progettato specificamente per aiutare persone disabili a compiere le attività quotidiane. La tecnologia assistiva include sedie a rotelle, macchine per la lettura, aggeggi per afferrare, ecc. Nell'area dell'accessibilità del web, le più comuni tecnologie assistive basate su software includono lettori di schermo, ingranditori di schermo, sintetizzatori vocali e software di riconoscimento della voce che operano congiuntamente a browser con desktop grafico (tra gli altri interpreti). Le tecnologie assistive di tipo hardware includono tastiere alternative e dispositivi di puntamento.
Testo del collegamento
Il contenuto di un collegamento reso in maniera testuale.
Title
Attributo html che permette di assegnare una descrizione testuale a link testuali e/o ad altri contenuti web; la stessa verrà visualizzata al passaggio del mouse sul contenuto e/o letta da un lettore di schermo.

torna all'indice alfabetico

[U]

UAAG
Le UAAG sono una parte di una serie di linee guida sull'accessibilità, che includono anche le "Linee Guida per l'Accessibilità dei Contenuti del Web" (WCAG) e le "Linee Guida per l'Accessibilità degli Strumenti di Sviluppo" (ATAG).
Usabilità
Lo standard ISO 9241 ha definito l'usabilità come "la misura in cui un prodotto può essere usato da determinati utenti per raggiungere determinati obiettivi con efficacia, efficienza e soddisfazione in un determinato contesto d'uso".

torna all'indice alfabetico

[V]

Versione/visualizzazione alternativa
Presentazione di pagine Web con layout alternativo rispetto a quello principale. Soluzione che utilizza più fogli di stile per la presentazione grafica, permettendo di mantenere sincronizzati i contenuti delle pagine Web. Una versione/visualizzazione può veramente definirsi "alternativa" se quella principale è già sufficientemente accessibile.
Versione/visualizzazione linearizzata.
Presentazione di pagine Web su unica colonna e in modalità sequenziale. Generalmente si tratta di una versione/visualizzazione alternativa ottenuta tramite foglio di stile.

torna all'indice alfabetico

[W]

WAI
Il progetto Web Accessibility Iniziative (WAI) è stato promosso dal W3C per migliorare la qualità e l'accessibilità delle pagine web attraverso un lavoro di ricerca tecnica e divulgativa. Questo gruppo di lavoro ha redatto le Linee Guida per la realizzazione di siti web accessibili, di browser accessibili e di programmi di authoring accessibili. Per ogni gruppo di linee guida il WAI definisce dei punti di controllo o checkpoint specifici che permettono di definire il livello di accessibilità raggiunto da una pagina web. Il WAI definisce tre livelli di conformità di un sito rispetto ai criteri di accessibilità definiti dalle linee guida
W3C
Acronimo di "World Wide Web Consortium". Il W3C è un consorzio di aziende del settore informatico che si occupa di stabilire standard di riferimento per il Web. Questo consorzio, in altri termini, studia i sistemi ed i linguaggi per la trasmissione di dati attraverso il Web e ne ufficilizza l'utilizzo attraverso raccomandazioni definitive. Al W3C si devono gli standar di HTML, XML, SMIL, CSS e altri ancora.
WCAG
Le linee guida per l'accessibilità dei contenuti Web spiegano come realizzare contenuti per il Web di modo che siano accessibili a persone affette da disabilità. Le linee guida sono rivolte agli sviluppatori di contenuti per il Web (autori di pagine Web e persone che si occupano del design di siti Web), nonché agli sviluppatori di strumenti di authoring. Il fine primario delle linee guida è quello di promuovere l’accessibilità. Nondimeno, la loro applicazione consente di rendere disponibili i contenuti Web a tutti gli utenti, indipendentemente dal tipo di strumento di navigazione utilizzato (ad esempio browser grafici, browser vocali, cellulari, navigatori per automobile ecc.) o da limitazioni cui ci si trovi costretti (ad es. un ambiente rumoroso, sovra o sotto-illuminato, o circostanze che impongano di non utilizzare le mani ecc.). Nel seguire le linee guida si aiutano inoltre le persone a reperire più velocemente informazioni nel Web, mentre non si dissuadono i content manager dall’usare immagini, filmati, ecc., indicando inoltre le modalità per un corretto uso dei contenuti multimediali, onde renderli accessibili ad una più vasta utenza.

torna all'indice alfabetico

[X]

XHTML
Acronimo di "Extensible Hyper Text Markup Language", riformulazione dell'HTML come applicazione XML. È stato creato dal W3C per ridefinire l'HTML nella famiglia XML con i benefici che ciò comporta in termini di estensibilità e rigore sintattico.
XML
Acronimo di eXtensible Markup Language (XML). È un meta-linguaggio di markup, cioè un linguaggio che permette di definire altri linguaggi di markup. A differenza di HTML, XML non ha tag predefiniti e non serve per definire pagine Web né per programmare. Esso serve esclusivamente per definire altri linguaggi.
In realtà, XML di per sé non è altro che un insieme standard di regole sintattiche per modellare la struttura di documenti e dati. Questo insieme di regole, dette più propriamente specifiche, definiscono le modalità secondo cui è possibile crearsi un proprio linguaggio di markup.
XSL (eXtensible Stylesheet Language)
Linguaggio che permette di definire l'impostazione grafica per la visualizzazione dei dati in formato XML mediante l'utilizzo di appositi fogli di stile. Si tratta di uno standard W3C.

torna all'indice alfabetico

[Z]

Zoom
Strumento messo a disposizione dai browser o implementato nei siti web che permette di ingrandire la dimensione del testo.

torna all'indice alfabetico


[ Torna all’inizio della pagina ]



Sito realizzato dal Laboratorio di Accessibilità e Usabilità del CSI-Piemonte - Dichiarazione di accessibilità

[ Torna all’inizio della pagina ]